.
Annunci online

combatrocker
volutamente sgrammaticato
21 ottobre 2005
La tigre e la neve


Chi si aspetterà un capolavoro come "La vita è bella" forse potrebbe rimanere deluso.Chi si aspetta un film denuncia in stile "Farenheit" potrebbe rimanere insoddisfatto.Ciò non toglie che(dato il semplice principio che forse è stupido fare eccessivi paragoni)questo è un film che lascia un segno profondo in chi lo va a vedere.
La trama può essere riassiunta molto facilmente:un uomo innamorato della sua donna per la quale farebbe qualsiasi cosa,compreso rischiare la vita in Iraq.E soprattutto senza pretendere nulla in cambio.
E'un fiaba...piena di poesia...cosa che non la rende mai banale nè sdolcinata.E'una poesia lieve che sfiora appena ma che è penetrata in tutte le scene.
Quando vedo Benigni non riesco a non pensare a Troisi.Per me Benigni è come se fosse l'altra parte dell'anima di Massimo.Loro dicevano,e se lui fosse vivo oggi,direbbero le stesse cose ma uno è fantasioso,estroverso,amante della vita,l'altro era introverso,cupo malinconico.Questo passaggio si Troisi è dovuto perchè a me il finale ha fatto ricordare molto i film di Massimo.Il finale è un intelligente punto interrogativo: non ti dice chiaramente come la vicenda si è conclusa ma te lo fa intuire.
Ineccepibile il lavoro di squadra...la formazione Benigni-Cerami-Piovani-Braschi è un mix imbattibile.

In merito alla questione della guerra non sono d'accordo su chi ha accusato Benigni di non prendere posizioni.E'ampiamente chiaro che lui sia profondamente contro questa guerra.E ' tangibile come lui consideri gli iraqueni ma anche i soldati americani ingiuste vittime di questo tragico destino.Ma Benigni non dice apertamente queste cose...le mostra senza la pretesa di fare un documentario...la sua è semplicemente una fiaba...ma una fiaba che ti fa riflettere anche su ciò che sta accadendo nel mondo.

E'un film che ti fa talmente tanto appassionare alla storia che non ne vuoi più uscire...io sono rimasto anche a vedere i titoli di coda...






permalink | inviato da il 21/10/2005 alle 17:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
24 settembre 2005
Alta Fedeltà(il Film)


Finalmente ho visto il Film...

Rob non è fisicamente come lo immaginavo (assomiglia a Silver Mele di TCS)...ma come comportamenti è perfetto
Laura è come nel libro,tremendamente bella e cinica...ti fa venir voglia di baciarla ogni frame
Barry è come mi immaginavo fosse Barry
Dick è fisicamente come mi immaginavo fosse Rob
Marie LaSalle me l'aspettavo più prosperosa
Liz è precisamente come me la immaginavo...na scassamaroni
Le ex di Rob sono tutte bonazze e non lo si intuiva dal libro...soprattutto Charlie,ma un po' di meno Sarah

Nel complesso il film rispecchia tantissimo il libro,nelle atmosfere,nei dialoghi(sono perfettamente identici al libro),nelle musiche...

Stupendo



permalink | inviato da il 24/9/2005 alle 13:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
22 giugno 2005
un ragazzo


unico caso di libro letto dopo aver visto il film

bello...molto...(nel film viene totalmente rimosso il piccolo particolarre che il bambino si appassiona ai Nirvana e a Kurt Cobain)

Più bello però il finale del film (Hugh Grant che esce e suona davanti a tutti con la chitarra Killing me softly with his song con una ineluttabile faccia di cazzo)





permalink | inviato da il 22/6/2005 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
22 febbraio 2005
Alta fedeltà

"provate a classificare le persone  che incrociate per strada secondo la quattro categorie esistenziali-felicemente accoppiati,infelicemente accoppiati,single e disperati-e vi accorgerete che è impossibile"

 

"ci sono uomini che telefonano...e uomini che non telefonano"

 

 

Voto= 9 (un libro da leggere tutto d'un soffio...unico problema il finale...senza colpi di scena...ma per questo forse imprevedibile)




permalink | inviato da il 22/2/2005 alle 13:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
9 settembre 2004
Fahrenheit 9/11 (dormi sepolto in un campo di grano...)
 

Certo che a Cannes non si sbagliano mai…checchè ne dicano i miei compagni di mercoledì sera(vi ricordo sempre che il mercoledì il biglietto del cinema costa meno…)i quali non sono rimasti entusiasti del film (forse sono abituati a cose più impegnate,tipo "Giovannona coscialunga" oppure "I tre porcellini"…e dicendo ciò li saluto calorosamente…con tutta la stima che ho per loro…) questo film andrebbe fatto vedere nelle scuole e subito in Tv (dubito però che gli italiani hanno tempo da dedicare a questo genere di cose visto che hanno problemi molto più incombenti…tra un po' riprenderà la querelle di Costantino ed Alessandra…).


Il Moore questa volta ha dato il meglio di se stesso..la regia degna del miglior Kubrick fatta di stacchi e inquadrature a mezzo busto,l'intreccio  non stanca mai(i fatti sono raccontati con un'ottima consequenzialità) e non manca l'ironia,nonostante un tema così triste e importante,ed il primo tempo scorre via liscio senza che neanche te ne accorgi e dopo un po'sei fuori al bar del cinema che vorresti dar fuoco ai cartoni della coca-cola.


Le cose che sono affermate nel film sono tutte provate e raccapriccianti,e il povero Bush viene dileggiato senza scrupoli,e sale nel pubblico la coscienza che infondo sia soltanto un presidente fantoccio.


Il secondo tempo effettivamente è un po' più pesante (in questo non posso dar torto ai miei compari…).Qui Moore cerca un po' di far brecia sui sentimenti degli spettatori soffermandosi troppo su  delle vicende umane che seppur molto drammatiche e compassionevoli meritano pur sempre la loro privacy (se poi andiamo a criticare una certa TV del dolore…).


A questa piccola pecca si contrappone la genialità della sceneggiatura che alterna le immagini di sofferenza in Iraq ai convegni delle multinazionali che enfatizzavano l'irripetibile opportunità offertagli dalla guerra per gli incredibili affari che prometteva.


Moore riesce ad arrivare al messaggio finale(ciò che come al solito  la guerra fa arricchire i più ricchi sulla pelle dei più poveri) con molto teatralità che forse però un po' stona con il format del documentario…


 


 


…Alla fine ho abbozzato un applauso che è rimasto un po' flebile nella sala(direi molto ignorato).Fuori dal cinema i commenti sono sempre gli stessi…"ti è piaciuto perché sei il solito comunista" "gli americani sono 50 anni che ci danno da mangiare,la dovete smettere voi comunisti!!!"…io credo che rimanere indignati dai fatti raccontati nel film sia più un fatto d'intelligenza e di sensibilità piuttosto che su quale simbolo si fa la crocetta nella cabina elettorale.La guerra,come tutti i mali del mondo,è un dramma che colpisce sempre quelle zone del mondo dove maggiore è il disagio,la povertà,la disperazione,e per capirlo non ci vuole un Q.I. molto alto.


Ci sono padri,figli,bambini morti in questa guerra solo per far comprare qualke limousine  in più a qualke stupido (mica tanto….poi) miliardario texano…ma è difficile cercare di comprendere certe cose quando si vede per 10 ore a giorno Emilio  Fede e si creda che alla fine ha sempre ragione chi ha più soldi e che sia giusto che costoro comandino cercando di far girare il mondo in modo che cresca il proprio conto in banca(molti miei compari di ieri sera sono convinti di ciò!!!)


La storia ci insegna che da millenni la guerra è fatta dai i più deboli per soddisfare gli interessi economici dei più forti (se non mi sbagli questo lo diceva un filosofo tedesco dell'800 di cui non mi ricordo il cognome,mi pare si chiamasse Carlo…) e molte volte non ce ne rendiamo conto la sera quando ce ne torniamo comodi comodi nelle nostre calde case a bordo delle nostre Ford Fiesta…


Io,nel mio piccolo incoerente universo,ho iniziato ad abbozzare,come detto prima un applauso alla fine del film…sono rimasto da solo,ma in fondo non me ne frega niente…


Gli aversani non mi hanno seguito,forse già pensavano ad altro…tra un po’ riprende l'Isola dei famosi!!!


 


 


Dormi sepolto in un campo di grano
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma son mille papaveri rossi
lungo le sponde del mio torrente
voglio che scendano i lucci argentati
non più i cadaveri dei soldati
portati in braccio dalla corrente
così dicevi ed era inverno
e come gli altri verso l'inferno
te ne vai triste come chi deve
il vento ti sputa in faccia la neve
fermati Piero , fermati adesso
lascia che il vento ti passi un po' addosso
dei morti in battaglia ti porti la voce
chi diede la vita ebbe in cambio una croce
ma tu no lo udisti e il tempo passava
con le stagioni a passo di giava
ed arrivasti a varcar la frontiera
in un bel giorno di primavera
e mentre marciavi con l'anima in spalle
vedesti un uomo in fondo alla valle
che aveva il tuo stesso identico umore
ma la divisa di un altro colore
sparagli Piero , sparagli ora
e dopo un colpo sparagli ancora
fino a che tu non lo vedrai esangue
cadere in terra a coprire il suo sangue
e se gli sparo in fronte o nel cuore
soltanto il tempo avrà per morire
ma il tempo a me resterà per vedere
vedere gli occhi di un uomo che muore
e mentre gli usi questa premura
quello si volta , ti vede e ha paura
ed imbracciata l'artiglieria
non ti ricambia la cortesia
cadesti in terra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che il tempo non ti sarebbe bastato
a chiedere perdono per ogni peccato
cadesti interra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che la tua vita finiva quel giorno
e non ci sarebbe stato un ritorno
Ninetta mia crepare di maggio
ci vuole tanto troppo coraggio
Ninetta bella dritto all'inferno
avrei preferito andarci in inverno
e mentre il grano ti stava a sentire
dentro alle mani stringevi un fucile
dentro alla bocca stringevi parole
troppo gelate per sciogliersi al sole
dormi sepolto in un campo di grano
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall'ombra dei fossi
ma sono mille papaveri rossi.




permalink | inviato da il 9/9/2004 alle 21:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

se vi serve un bassista,un consulente,un rompiballe,uno che sente tanta musica,uno a cui chiedere consiglio sulla formazione del fantacalcio,uno che-credetemi-ne ha passate tante,uno che crede che ancora ne debba passare,uno che possa aiutarvi per uno studio sulla terronia...o semplicemente uno con cui fare quattro chiacchiere quando non sapete cosa fare e state cazzeggiando da 2 ore davanti al pc...

  combatrocker83@hotmail.com
  combatrocker83@hotmail.com

 

poche immagini per raccontarmi...



poche frasi per raccontarmi

"...Ho visto le migliori menti della mia generazione distrutte dalla pazzia, affamate nude isteriche,trascinarsi per strade di negri all'alba in cerca di droga..."
Allen Ginsberg

"...guardate che non abbiamo swing Tranne il roteare di quel manganello,sta arrivando l'era glaciale,il sole piomba giù fusione in vista,il grano viene su male le macchine smettono di funzionare ma io non ho paura perché Londra sta annegando ed io vivo vicino al fiume..." 
Joe Strummer

"...Cos'è questo film...? E' la storia di un pasticciere, trotzkista, un pasticciere trotzkista nell'Italia degli anni '50. E' un film musicale. Un musical..."
Nanni Moretti,Caro Diario

"...La storia non si ferma mai,neanche davanti ad un portone...la storia entra nelle stanze,le brucia,la storia da torto e da ragione...la storia siamo noi,siamo noi che scriviamo le lettere,siamo noi che abbiamo tutto da vincere,e tutto da perdere...quelli che hanno letto un milione di libri,insieme a quelli che non sanno nemmeno parlare,ed è per questo che la storia da i brividi,perchè nessuno la può fermare..."
Francesco De Gregori,La storia

".... Ho scritto questo testo di getto e non lo rileggerò, altrimenti ne ricaverei una pagina bianca, con un puntino pulsante, al centro. Delle storie amo l'antefatto e il mistero dopo la fine..."
Diego Cugia,alias Jack Folla

"...sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso,il lampo in un orecchio nell'altro il paradiso,le lacrime più piccole,le lacrime più grosse,quando l'albero della neve fiorì di stelle rosse,ora i bambini dormono nel letto del sand creek.....e se credente ora che tutto sia come prima perché avete votato ancora la sicurezza, la disciplina, convinti di allontanare la paura di cambiare, verremo ancora alle vostre porte e grideremo ancora più forte per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti..."
Fiume sand creek,La canzone del maggio.Faber 

"...se sei un barbona,un drogato,un albano,sei fottuto.Ti isolano,sei fuori dal gruppo...(...)...se invece sei una persona normale,rispettabile,se sei nel gruppo,bene o male lavori per il gruppo.E questo non vuol dire necessariamente essere onesti.Anzi.I capi del gruppo sono tipo gli amici dei miei,gran stronzi pieni di soldi che cercano di controllare la gente.Con i partiti,con la censura,con i gruppi economici...(...)...Il gruppo è tutta la merda che ci danno da mangiare...ecco,io credo che se ne esca o essendo intelligentissimi, spiritualmente liberi come i monaci buddisti o come i grandi filosofi, e allora ci si innalza; oppure prendendo il sacco a pelo e andando a vivere alla stazione o nei campi nomadi,e allora ci si abbassa...(...)...non lasciare che ti sottomettano...!!!"
Enrico Brizzi,ultima lettera di Martino
"Jack Frusciante è uscito dal gruppo"


"...dalla montagna verrà il vento,sta nascendo sotto gli alberi,e cospira per un mondo nuovo,talmente nuovo da essere appena un'intuizione,nel cuore collettivo che gli dà la vita..."
sub.com. Marcos

"Under the bridge downtown Is where I drew some blood Under the bridge downtown I could not get enough Under the bridge downtown Forgot about my love Under the bridge downtown I gave my life away..."
Under the bridge,RHCP

"Per cortesia,puoi smettere di fare casino?...sto cercando di trovare qualcosa fra le innate voci di gallina nella mia testa..."
Radiohead,paranoid anrdoid

"Io non tremo...è solo un po' di me che se ne va..."
Bye Bye Bombay,Manuel Agnelli,Afterhours


Una squadra a  farmi palpitare

 


tante cose a gustarmi e disgustarmi

MI PIACE:
Napoli, Bologna, Roma, Milano, Messina,il Trentino, Firenze, il Garda, la Francia, l'Emilia Romagna, la Sicilia, l'Umbria,la pizza a filetto, Nicol'o'furgon,Carmel'a's'zos, l'Argentina, Maradona, la Bossa nova, Gattuso, Adriano, Coppi, Juri Chechi, il movimento Cassina, il rugby, gli All Blacks e la Haka, tutti gli sport, le olimpiadi e le paralimpiadi, Totti, Careca, Alemao, Di Canio(come calciatore), Zola, Manuel Agnelli,il mio grande Napoli, Neruda, Baudelaire, D'Annunzio, Nick Hornby, Andrea De Carlo, Enrico Brizzi, il buon vino rosso, Veron, Miccoli, Naomi Klein, la famiglia Agnelli, tutti i giornalisti de "La Repubblica", le Iene, mai dire goal,il gruppo della Dandini, Max Tortora, Max Giusti, i Gem Boy e tutte le parodie in generale, le donne acqua e sapone, Crozza, Pedros, la medicina, le scienze della vita, Ferrari, BMW, Alfa Romeo, Pantani, Cunego, i Simpson (soprattutto Homer),Il Bogadillo, il Don Quixotte, i Pelagus, i Red Hot Chili Peppers, I Clash, Nirvana, Smashing Pumpkins, Radiohead, Muse, Coldplay, tutto il punk della scena epitaph, il rock del disagio, De Gregori, Beppe Grillo, Fabio Volo, De Andrè, Guccini,la pasta al pesto, la pasta con la panna, Ligabue, Ruggeri, Gino Paoli, Carmen Consoli, Elisa, le iene, i Fichi d'India (i frutti), Fiorella Mannoia, Nanni Moretti, Luigi Lo Cascio, Stefano Accorsi, gli orali agli esami, Gabriele Muccino, i documentari sulla seconda guerra mondiale e sul caso Moro, Oztepeck,gli U2 e l'Irlanda, gli amici che ti rispettano e hanno tatto, le frasi ad effetto, Nino D'Angelo,i Fedayn(gruppo tifosi del Napoli), Telecaprisport, i viaggi, nutella, i cani, le piccole e belle coincidenze, Oronzo Canà e l'allenatore nel pallone, la storia contemporanea, i sogni, gli ideali, la beat generation, Hendrix, alcuni telefilm, il sesso, l'amore, i rapporti "non istituzionali", i cartoni di Nicola Brusco, Monica Bellucci, Laura Morante, le donne complicate, Van Gogh, Elio Faso Roccotanica e Mangoni, Salvator Dalì, Kandiski, Francesca Neri, le e-mail e i sms che non ti aspetti, i testi delle canzoni di Raf, Stefania Mezzoggiorno, Julia Roberts, Rita Haywords, Robert De Niro, Report, Santoro, Dustin Hoffman, i piccoli cinema di periferia, Indro Montanelli, Marx, Heagel, Kant, Marlon Brando, l'umiltà, la solidarietà, l'intelligenza, il bee bop, il basso, il contrabbasso, gli strumenti a fiato, i dolci,i viaggi, la musica dal vivo, il Chievo e le altre piccole outsider, Che Guevara, Marcos, il cinema il mercoledì, i cattolici...quelli veri, i buoni libri.

NON MI PIACE:
Berlusconi, la pasta col cavolo, Schifani, il modern, la palestra, l'ansia, le paranoie, i mediocri e la mediocrità, il nozionismo, vantarsi delle scopate, gli sboroni, gli snob, quelli che non sanno guidare, Kakà, Shevchenko, Inzaghi, Vieri, Del Piero, la nuova pallosissima F1, la Juve, il Milan, Carraro,Di Canio(come uomo), Galliani, Matarrese, questo calcio "maalato", chi si dimentica del mio compleanno, i Fichi d'India (i comici), la banalità, Vespa, Annamaria Franzoni, i reality show, la Moda, Emilio Fede, i cattolici ipocriti, Del Piero, la banalità, i programmi di Michele Guardì, il finto moralismo, Torino, Cento Vetrine, Fernanda Lessa, la falsità e l'ipocrisia, la retorica, chi giudica l'amicizia solo in base a quanto tempo si trascorre assieme, chi ti giudica per come vesti, gli scritti agli esami, le gatte-morte, le puttan-suore, Top Girl(giornalino delle teen ager), i tipi e le tipe Fashion, Controcampo, Quelli che mettono sullo stesso piano i repubblichini di Salò con I Partigiani,Maria De Filippi, chi maltratta e abbandona gli animali, Costantino, Uomini e Donne, Buona Domenica, Maurizio Costanzo, i giochi d poetere e di partito, Giorgino, Bush, Blair, Feltri, Belpietro, D'Alema, Rutelli, Gasparri, Manzoni, i professori di anatomia alla mia facoltà (ora lo posso dire...), i chitarristi che se la tirano senza motivo, le vel-/letter-/sched-/puttan-/mignott-/not-/le canter-/tutte le vallette che finiscono con -ine, i thrillerini del cazzo, le Boy Band, il timbro della voce di Raf, le multisale, il rock autocelebrativo,Condoleeza Rice, Gigi D'Alessio e tutti i neomelodici, le risposte multiple, Biagio Antonacci, Paolo Meneguzzi, Massimo Di Cataldo, Paolo Vallesi, Laura Pausini, Justin Timberlake, la prosopopea, la presunzione degli ignoranti, quelli che fanno gli alternativi di mestiere,quelli che si professavano amici e lentamente te l'hanno infilato dove non splende il sole, chi non ha le palle di essere coerente con le proprie azioni...

una donna sola per emozionarmi...




iniziative ed adesioni


Iscriviti al Vaffanculo Day



Vday 
Free Tibet

Basta! Parlamento pulito
Zappiamo Forbice

passaparola